Il Progetto

OBIETTIVI

  • Sperimentare un nuovo modello di comunicazione con doppia valenza, sia interno al sistema delle amministrazioni e dei soccorritori/volontari, che esterna, ovvero indirizzata alla più vasta cittadinanza.
  • Diffondere conoscenze e norme di comportamento sul rischio idrogeologico e idraulico
  • Mantenere un elevato livello di sorveglianza del patrimonio ambientale
  • Ridurre i tempi di intervento a seguito di segnalazioni in merito a criticità improvvise, come pure i tempi di risposta alle segnalazioni di urgenza.
  • Segnalare tempestivamente eventuali lavori di bonifica, manutenzione e messa in sicurezza
  • Gestire con maggiore cura e sistematicità gli interventi programmati di monitoraggio del territorio
  • Curare la puntuale divulgazione delle situazioni di preallarme e allarme ed eventuale emergenza che possono verificarsi sul territorio, in stretto raccordo e concerto con i soggetti competenti per la diramazione degli allertamenti.
  • Stimolare e sostenere la crescita culturale e professionale dei soggetti a vario titolo coinvolti nelle attività di pianificazione protezione civile (amministratori pubblici, tecnici della pubblica amministrazione, tecnici e comunicatori del mondo professionale, rappresentanti qualificati delle organizzazioni di volontariato di protezione civile iscritte all’albo regionale e/o a quello nazionale) introducendoli alla prassi della “Pianificazione Partecipata di Protezione Civile”, quale possibile ulteriore leva di sviluppo della consapevolezza di cittadini e comunità resilienti che il progetto intende promuovere.

FASI e OUTPUT

Analisi preliminare delle criticità territoriali

Questa fase si pone come obiettivo quello di analizzare le criticità della popolazione circa la conoscenza: dei piani di protezione civile, dei rischi presenti sul territorio e dei comportamenti da adottare in caso di emergenza, sia in forma singola che di comunità.

Sulla base delle risultanze dell’analisi preliminare si sviluppano metodologie idonee affinché i sottoelencati processi comunicativi risultino idonei al raggiungimento del risultato che, sinteticamente, può essere raggruppato in due macro-aree:

  • Uniformare la conoscenza dei rischi presenti sul proprio territorio ed ottimizzare le procedure dei flussi comunicativi dei cittadini
  • Uniformare i processi comunicativi a livello istituzionale garantendone un’efficacia reciprocità di linguaggio

Allestimento Infopoint

Oltre che attraverso i principali social network, tutte le informazioni verranno divulgate con totem, flyer e opuscoli consultabili presso i 5 Infopoint allestiti presso i Comuni referenti dei Sub Ambiti

Sviluppo e implementazione di sistema APP

Descrizione APP

Piano di comunicazione, formazione ed informazione del personale e della cittadinanza

Al fine di rendere efficace l’adozione degli strumenti proposti il progetto prevede campagne informative puntuali e mirate alla popolazione appartenenti ai diversi comuni aderente all’iniziativa circa il corretto uso del sistema APP.

Centrale per la buona riuscita del progetto sono le attività di formazione ed informazione rivolte sia agli operatori che alla cittadinanza, in particolare saranno erogate:

  • Attività di Formazione per il personale addetto alla gestione dell’APP. Corso di Formazione di 8 ore, ripetuto nei 5 Comuni referenti dei Sub Ambiti.
  • Attività di Formazione per gli addetti delle amministrazioni comunali nonché del personale appartenente alle associazioni di volontariato di protezione civile operanti sui territori dei comuni aderenti al fine di uniformare linguaggi conoscenze e pratiche. Corso di Formazione di 8 ore, ripetuto nei 5 Comuni referenti dei Sub Ambiti.
  • Evento di presentazione dell’APP e dei nuovi strumenti comunicativi proposti alla cittadinanza attraverso anche la partecipazione di personale esperto del settore.
  • Evento formativo e partecipativo diretto ad amministratori pubblici, tecnici della pubblica amministrazione, tecnici e comunicatori del mondo professionale, rappresentanti qualificati delle organizzazioni di volontariato di protezione civile e finalizzato a fornire strumenti metodologici e operativi per affrontare con adeguate capacità l’importante sfida imposta dalla crescita di consapevolezza di cittadini e comunità che è rappresentata dalla “Pianificazione Partecipata di Protezione Civile”,
  • Evento finale di presentazione dei risultati: a partire dalle informazioni raccolte e dai risultati raggiunti verrà elaborato e diffuso materiale di promozione attraverso la creazione di video e la creazione di pannelli espositori.

Realizzazione sistema comunicativo fra i Centri Operativi Comunali

Questa fase prevede la progettazione dei sistemi informativi utilizzando tecnologie già esistenti ed a uso dei Comuni aderenti (rete dati esistente come fibra, adsl, ecc.), la dotazione tecnologia di postazioni idonee composte da Monitor, webcam, e altra strumentazione per videoconferenza.